THE BLOG IS BACK! Si ricomincia con una intervista esclusiva a Roberto “Roby” Rolfo, pilota di primissimo piano nel mondiale Supersport 2015

Immagine

Roberto Rolfo a Misano 2015

Roberto Rolfo a Misano 2015 – © Foto Massimo Bracchi

Per vedere l’intervista cliccare il link sottostante:

L’intervista a Roberto Rolfo

 Roberto Rolfo, per un appassionato del mondo dello sport su due ruote, non ha bisogno di presentazioni. La carriera del pilota italiano, che Corsidiguida.it e Motorace hanno l’onore di annoverare tra i propri istruttori a partire da questo 2015, è sicuramente di tutto rispetto, a partire degli ottimi risultati in 250cc nel motomondiale culminati nel 2003 con un secondo posto nel campionato (ricordiamo che erano gli anni del dominio assoluto di Aprilia nella classe cadetta, mentre Rolfo è sempre stato fedele alla meno performante Honda), il passaggio in MotoGP nel 2005 con Ducati, nel 2010 l’esperienza in Moto2, quindi la partecipazione alle “derivate dalla serie”, sia nelle SBK che nelle Supersport, dove quest’anno corre per il team Lorini su Honda, il vecchio “amore” di gioventù.

Roberto Rolfo in azione durante l'evento Corsidiguida.it - © Foto Massimo Bracchi

Roberto Rolfo in azione durante l’evento Corsidiguida.it e Motorace – © Foto Massimo Bracchi

Prossimamente una gallery con foto esclusive in HD del nostro campione a Corsidiguida.it, stay tuned!

Blog reporter: Massimo Bracchi

COME “RIMANERE IN SELLA” SALVANDO I GOMITI? TE LO SPIEGA MATTIA PASINI

Oggi, se non sfiori (o tocchi, a seconda) il gomito in curva, praticamente non sei nessuno. Almeno nel motomondiale.

Sicuramente quanto sopra detto, non riguarda noi comuni utenti della pista, ma un bello “stil novo” che ci consenta un completo controllo della nostra moto nelle curve più impegnative, ci interessa, eccome, anche perché, prese le dovute distanze, ciò che si impara in pista, si porta, parlando di sicurezza di guida, su strada, perchè, in strada, i nostri gomiti li dobbiamo invece salvare da qualsiasi contatto sull’asfalto, giusto?

Ecco quindi che noi di Corsidiguida.it, attenti come sempre alla sicurezza dei nostri allievi, abbiamo pensato bene di dedicare nel nostro programma trasmesso ogni sabato alle ore 21 e 30 sul canale 249 del digitale terrestre di DINAMICA CHANNEL, uno spazio alla guida sportiva su pista, invitando uno dei nostri istruttori, il talentuoso Mattia Pasini impegnato nel mondiale Moto 2, a spiegare visivamente come adottare la posizione in sella più corretta e redditizia, tutto questo sotto l’occhio attento, microfono in mano e telecamera al seguito, di Franco Bobbiese, già conduttore storico del motomondiale in TV.

Non avete la possibilità di vederlo? Niente paura, il vostro blogger vi ha messo a disposizione un video, meno professionale tecnicamente, ma ugualmente efficace, dove trovate tutto, ma proprio tutto, su quanto detto da Mattia Pasini durante il nostro corso in pista.

 

Nelle foto, invece, potete vedere un Pasini impegnato tra i cordoli della pista di Castelletto di Branduzzo (PV) non con una supersport dell’ultima generazione, ma alla guida di un mezzo con ridotta potenza, nello specifico un’Honda CRF 150 monocilindrica 4 tempi, messa a disposizione dal nostro simpatico “Gigi” (che salutiamo cordialmente), a dimostrazione che la classe di un pilota non si misura con il mezzo utilizzato, quindi: poche scuse e “dai de gas”, ginocchio (e gomiti) a terra ma… sempre in pista e sempre in sicurezza con Corsidiguida.it!

WEB REPORTER: Massimo Bracchi

mattia pasini,honda,pista,curva,ginocchio a terra,corsidiguida.it,moto2,moto due,motogp,motomondiale,franco bobbiese,castellettomattia pasini,honda,pista,curva,ginocchio a terra,corsidiguida.it,moto2,moto due,motogp,motomondiale,franco bobbiese,castelletto

mattia pasini,honda,pista,curva,ginocchio a terra,corsidiguida.it,moto2,moto due,motogp,motomondiale,franco bobbiese,castellettomattia pasini,honda,pista,curva,ginocchio a terra,corsidiguida.it,moto2,moto due,motogp,motomondiale,franco bobbiese,castelletto

AMARCORD – Una vita da mediano: Paolo “Gasolio” Casoli si racconta – un’esclusiva di Corsidiguida.it.

E’ così, che ci volete fare. Sarà il periodo feriale, saranno gli scarsi risultati degli italiani in Motogp, sarà che i ducatisti viaggiano spesso con la memoria ( a qualcosa ci si deve pur aggrappare…)per ritrovare antichi fasti, che mi sono imbattuto, sul web, in un vecchio articolo di SuperWheels (la parte “corsaiola” della rivista Motociclismo) dedicato al campione Supersport del 1997 Paolo Casoli, in sella alla Ducati 748, dove si racconta, con fare scherzoso e “irriverente”  del come e perchè  il nostro “Gasolio” diventò un uomo nuovo (e migliore) dopo il terribile incidente accorsogli  a Valencia il 13 novembre 2002, incidente che costò a Paolo, oltre a un grave trauma cranico, il ritiro definitivo dalle corse.

Paolo Casoli durante la gara di Monza nel mondiale supersport del 2000 in sella alla Ducati 748gasolio,paolo casoli,ducati 748,monza,supersport,sbk,corsidiguida.it

 

Qui il link dell’articolo: http://www.superwheels.net/gasolio-una-botta-fortunata-una-storia-vera. Ma sarà proprio vero? Bene, mi sono detto, non mi resta che chiederlo direttamente all’interessato.

Eccovi quindi l’intervista completa, rilasciata in un momento di relax durante uno dei nostri eventi di Corsidiguida.it, durante la quale il nostro simpatico e disponibile Gasolio, risponde “a cuore aperto” alle nostre domande.

WEB REPORTER: Massimo Bracchi

 

Le video-interviste di CORSIDIGUIDA.IT: ROBERTO LOCATELLI parla di Fenati, del Team Italia e della Moto3

ita12_05fenati_ara1143_original.jpg

Romano Fenati al Mugello ( foto da motogp.com )

Alla luce dello splendido secondo posto, ottenuto al  fotofinish  da Romano Fenati sul circuito del Mugello, vi proponiamo un’interessante intervista con Roberto Locatelli, coordinatore tecnico del Team Italia.

L’intervista si riferisce ai risultati ottenuti dal Team appena dopo la battuta d’arresto all’Estoril al seguito dei successi di inizio stagione, nella quale si nota la grande capacità di lettura in chiave tecnico-agonistica del nostro Locatelli che, non dimentichiamolo, ha ottenuto, nel 2000 il titolo di campione del mondo nella classe 125, capace in breve tempo  di ricucire gli strappi di una stagione che sembrava decisamente complicata , in riferimento alle prestazioni  in assoluto ottenute dal nostro Fenati, prima del bel risultato conquistato in Italia.

La nostra intervista prosegue con Locatelli che fa il punto sulla Moto3, una classe partita in sordina, ma che ha decisamente fatto dimenticare, in pochissimo tempo, la pur amatissima 125 GP, che tanto ha dato, in termini di emozioni e risultati, ai nostri colori.

A seguire, come di consueto, una PHOTOGALLERY  del nostro campione e istruttore Roberto  Locatelli, con un arrivederci da parte mia al 23 luglio per un’altra giornata in compagnia di Corsidiguida.it !

WEB REPORTER: Massimo Bracchi

 

DSC01655.JPGroberto locatelli,corsidiguida.it,tuta pelle,circuito,ducati,guida sicura,pista,istruttori,team italia,romano fenati,mondiale 125,campione del mondo,moto3

 

 

 

 

 

 

 

roberto locatelli,corsidiguida.it,tuta pelle,circuito,ducati,guida sicura,pista,istruttori,team italia,romano fenati,mondiale 125,campione del mondo,moto3roberto locatelli,corsidiguida.it,tuta pelle,circuito,ducati,guida sicura,pista,istruttori,team italia,romano fenati,mondiale 125,campione del mondo,moto3

 

 

 

 

 

 

 

roberto locatelli,corsidiguida.it,tuta pelle,circuito,ducati,guida sicura,pista,istruttori,team italia,romano fenati,mondiale 125,campione del mondo,moto3roberto locatelli,corsidiguida.it,tuta pelle,circuito,ducati,guida sicura,pista,istruttori,team italia,romano fenati,mondiale 125,campione del mondo,moto3

 

 

 

 

 

 

LE “MAZZATE” DI MARCO LUCCHINELLI – in esclusiva a CORSIDIGUIDA.IT

lucky,marco lucchinelli,corsidiguida.it,corso,guida,circuito,campione,mondiale,mazzate

E’ così: irrefrenabile e clamorosamente vintage, Marco Lucchinelli, campione del mondo classe 500 nel 1981, istruttore a Corsidiguida.it , che  tante ne sa. E tante ne spara. Di mazzate:  la Ducati in MotoGP che si perde in meandri di sperimentazioni  telaistiche; il Valentino nazionale che non vince più e aspetta che sia invece  la moto, appunto, vincente;  lo staff dirigenziale Ducati… i difetti cronici di certe moto e i pregi di talaltre, esprimendo la propria contrarietà nei confronti dell’attuale eccessiva “invasione” dell’elettronica nelle moto e nelle auto, togliendo così il gusto della guida, ma anche consentendo ad un utente poco esperto un comportamento in strada pericoloso,  perché troppo aiutato, in una guida sportiva, dai vari dispositivi di supporto elettronico. Non mancano considerazioni sui campioni del presente, come Melandri , e del recente passato, come Troy  Bayliss, indimenticato campionissimo della SBK, ancora idolo incontrastato e insostituibile dei ducatisti, del quale il nostro Lucky ha una grandissima stima, descrivendone le innate, grandissime doti di guida. Poi, la Storia del motociclismo sportivo, quello con la “s” maiuscola appunto: i campioni del passato, “Fast” Freddie Spencer, su tutti, un vero marziano venuto dagli USA per portare una ventata di novità nel modo di guidare le moto da GP, capace di vincere nello stesso anno, il 1985, i due mondiali più abiti: la 250 e la 500 con la Honda;  poi, aneddoti curiosi su Randy Mamola, il funambolo statunitense che ha raccolto poco ma dato molto alla 500 GP; Michael “Mick” Doohan, che con il comando del freno posteriore posizionato sotto la leva della frizione, a sinistra sul manubrio, a seguito del pauroso incidente di Assen nel ’92 (salvato in extremis dal dott. Costa), ha vinto cinque mondiali… Insomma, una miniera di informazioni da ascoltare a bocca aperta nelle pause a Corsidiguida.it. Uno spettacolo nello spettacolo da vivere con intensa emozione.

A dimostrazione di quanto detto, vi propongo una chiacchierata del Lucky in compagnia del commentatore sportivo di Italia 2 Mediaset Max Temporali, nostro direttore operativo e del Dott. Marco Franchini della clinica mobile, nostro responsabile medico.

A seguire una bella PHOTOGALLERY del nostro campione che contiamo tutti di incontrare nuovamente il 23 luglio a Corsidiguida.it, buona visione.

WEB REPORTER: Massimo Bracchi

 

DSC01666.JPGTHES1256.JPG

 

 

 

 

 

 

 

THES0793.JPGTHES9762.JPG

 

 

 

 

 

 

THES9834.JPGTHES9857.JPG

 

 

 

 

 

 

 

LE VIDEO-INTERVISTE: ALEX DE ANGELIS ISTRUTTORE NEL MASTER RIDERS DI CORSIDIGUIDA.IT

Dopo il nostro appuntamento, il primo del 2012, in Corsidiguida.it sul circuito di Castelletto, nel quale ha dato l’ennesima prova di professionalità e competenza quale istruttore nel corso avanzato/pro, Alex De Angelis ha affrontato con la dovuta serenità e concentrazione l’appuntamento mondiale della categoria MOTO2 sul circuito di Le Mans. Il nostro campione, con caparbietà ed intelligenza, è riuscito a trovare il bandolo della matassa per risolvere il problema che affliggeva da un po’ di tempo la sua Suter, rivoluzionando l’assetto della moto, caricandola completamente sul posteriore, così da riuscire, negli ultimi scampoli delle prove ufficiali francesi, ad agguantare un settimo posto che gli permetterà di partire domani dalla terza fila.

Ma facciamo un passo indietro e torniamo alla giornata del 14 u.s. dove De Angelis è stato impegnato nel programma di guida sportiva 2012 di Corsidiguida.it :

nella videointervista, il nostro Alex ci parla dellle proprie aspettative in questo mondiale Moto2, esternando un fiducioso ottimismo per quanto riguarda le possibilità di miglioramento con il Team NGM Mobile Forward Racing.

 

ALEX DE ANGELIS,CURVA,CORSO DI GUIDA SICURA

Alex De Angelis impegnato nel corso Master Riders con la tuta ufficiale del Team NGM

 

La moto affidata al campione sammarinese per svolgere con la dovuta perizia il corso Master Riders è stata una Ducati Streetfighter 848, una naked sportiva ottima per girare in una pista come quella di Castelletto di Branduzzo, esuberante nella cavalleria ma rigorosa nell’assetto: un punto di riferimento per gli amanti delle piste guidate.

IL VIDEO COMPLETO DELL’INTERVISTA 

alex de angelis,pista,corso moto,piega

Ancora Alex impegnato in curva con la Ducati 848 streetfighter

 

WEB REPORTER: Massimo Bracchi 

 

CORSIDIGUIDA.IT – LE VIDEOINTERVISTE: L’ASSETTO DINAMICO DELLA MOTO VISTO E ANALIZZATO DA CARLO LUZZI, INGEGNERE DI PISTA HONDA HRC DI CASEY STONER CAMPIONE DEL MONDO MOTOGP

In attesa dell’evento del 14 maggio 2012, di  Corsidiguida.it, che si annuncia ricco di sorprese e novità (ne parleremo diffusamente nei prossimi articoli). Vi ripropongo una interessante intervista, effettuata nel 2011, a Carlo Luzzi, ingegnere di pista in forza al Team Honda ufficiale HRC, che attualmente lavora a stretto contatto con Casey Stoner, dopo aver contribuito alla conquista del titolo mondiale, nell’anno appena trascorso, da parte del binomio australiano-giapponese.

Questi i passaggi salienti dell’intervista che potete vedere e sentire nel filmato da me realizzato (perdonate quindi quel po’ di improvvisazione che però fa tanto diretta tv) durante un incontro organizzato in collaborazione con il sito Real Bikes (la voce dell’intervistatore è del blogger Massimo Miliani).

L’argomento trattato è la regolazione delle sospensioni nelle moto sportive, con alcune interessanti considerazioni in merito al comportamento dinamico della motocicletta, argomento solitamente poco trattato  nei forum e negli articoli giornalistici perchè molto specifico e ostico alla maggior parte degli utenti della strada, ma non per questo meno importante di altri per ottenere il risultato di una guida sicura e redditizia in pista.

Per chi vorrà comunque approfondire l’argomento, verranno in seguito pubblicati una serie di articoli tecnici con l’ausilio di esperti del settore, collaboratori, come sempre,di Corsidiguida.it.

Massimo Bracchi

Le video-interviste di Corsidiguida.it: Alex De Angelis spiega come guidare la moto con una corretta postura.

Alex De Angelis a Castelletto di Branduzzo come istruttore di Corsidiguida.it

Alex de Angelis,corsidiguida.it,honda

Alex De Angelis, che ha confermato la sua presenza nel mondiale Moto2 per la stagione 2012 firmando per l’NGM Mobile Forward Racing Team, offre la propria disponibilità a tutti i lettori del blog di Corsidiguida.it, che possono ascoltare ed imparare qual’è la posizione più corretta nella guida di una moto sportiva.

Una errata postura in sella alla nostra moto, certamente non ci consente di sfruttare al meglio il potenziale offerto dalla nostra cavalcatura. Non solo, anche nella guida di tutti i giorni, una posizione corretta durante la guida della moto ci consente un controllo completo del mezzo che stiamo guidando, riducendo così, ancora una volta, la possibilità di commettere pericolosi errori di guida, a tutto vantaggio della sicurezza e del confort.

Ascoltiamo quindi cosa ha da dirci in merito il simpatico pilota sammarinese.

Massimo Bracchi

 

Le interviste di Corsidiguida.it: Roberto Locatelli spiega l’importanza della preparazione fisica in un pilota di moto.

 

THE22420.JPG

THE22846.JPGTHE23374.JPG

 

 

 

 

 

 

 

Ora che la bella stagione è finita, inizia quel tempo che si può definire quasi il letago del motociclista, perlomeno del motociclista sportivo, che ama vivere la sua passione tra i cordoli dei circuiti.

Eccoci quindi a parlare di preparazione fisica, un argomento alle volte troppo trascurato, perchè, spesso, si crede che la guida della moto (sportiva) non implichi più di tanto un dispendio notevole di energie psico-fisiche del pilota. Niente di più sbagliato, e questo lo sanno soprattutto i piloti professionisti.

Lo abbiamo chiesto a Roberto Locatelli, del team di Corsidiguida.it, che ci racconta la sua esperienza in merito, senza trascurare il necessario complemento di una buona preparazione atletica, vale a dire una adeguata alimentazione.

Massimo Bracchi

I VIDEO-CORSI di CORSIDIGUIDA.IT: la “STACCATA” spiegata da Paolo Casoli

paolo casoli,gasolio,corsidiguida.it,staccata,corso moto,guida sportiva,ingresso curva,frenata

Paolo Casoli con la sua tuta Ducati di campione del mondo 1997 durante un evento di Corsidiguida.it

 

Il “Gasoliopensiero”: ovvero la guida della moto al limite giudicata dal Gasolio nazionale, al secolo Paolo Casoli, campione del mondo 1997 nella categoria Supersport con la Ducati, nel video realizzato “al volo” durante una pausa del corso a Castelletto di Branduzzo con Corsidiguida.it.

La “staccata” è il momento più delicato che precede l’entrata in curva nella guida sportiva in moto, quando da forte velocità affrontiamo una impegnativa decelerazione, attaccandoci ai freni, magari ritardandola (in circuito, sempre) il più possibile, per poi percorrere la curva nel migliore dei modi. Ebbene, quello è uno dei momenti più emozionanti, sia da vedere durante le competizioni, che da provare (in circuito, meglio se seguiti da un istruttore come Paolo) con la nostra moto sportiva.

Paolo Casoli, forte della propria esperienza di pilota e campione in gare internazionali sui circuiti di tutto il mondo, ma anche quale valente e professionale istruttore in Corsidiguida.it, ci fornisce una personale e interessante versione di questa fase della guida sportiva della nostra moto, aprendo nuovi orizzonti e conoscenze utilissime in circuito e preziose sulle strade di tutti i giorni.

Tutto questo, naturalmente, lo vedete solo ed esclusivamente con Corsidiguida.it !

Massimo Bracchi